Dieta Oloproteica: Quanto si Perde, Testimonianze e Opinioni

La dieta oloproteica ha attirato la tua attenzione?

Una procedura di “liposuzione alimentare” dato che risulta essere un programma in cui la perdita di peso è localizzata, proprio come la liposuzione, e si verifica rapidamente.

Può essere vero che si possa perdere peso in soli 20 giorni?

Alcune testimonianze ed opinioni di chi l’ha provata sembrano portarci verso un Si, ma prima andiamo ad analizzare alcuni fattori:

Liposuzione del Cibo

A causa della sua capacità di ridurre la massa grassa a causa dell’adiposità localizzata, la dieta oloproteica viene talvolta chiamata liposuzione alimentare.

L’adiposità prevale in particolare su glutei, fianchi, cosce e polpacci.

Apparentemente, la ricerca dell’Università di Harvard suggerisce che i fattori ormonali possono influenzare l’adiposità localizzata.

Gli ormoni sessuali femminili, ad esempio, tendono ad accumularsi nell’area dei fianchi, mentre il cortisolo e l’insulina continuano ad accumularsi negli addominali.

Nella sua ricerca per promuovere la perdita di peso mirata, la dieta oloproteica prende di mira in modo specifico questi ormoni.

Diete Ricche di Proteine ​​e Chetoni

Non c’è dubbio che il cibo possa avere un’influenza quasi assoluta sul nostro stato adiposo, tuttavia, è importante stare alla larga da diete “nome e cognome”, monodiete e diete drastiche o “iper” / “ipo”.

Non c’è dubbio, nel fai-da-te, le diete chetogeniche dovrebbero essere attentamente monitorate ed evitate. Mettono il corpo in uno stato di chetosi, che può essere pericoloso se non controllato.

Inoltre, è ricca di proteine ​​perché non contiene carboidrati. Si consiglia di consumare 1,5 grammi di proteine ​​per chilogrammo di peso corporeo.

Una dieta oloproteica, invece, è il risultato di una ricerca condotta dal Prof. Blackburn, che ha scoperto esattamente quali proteine ​​sono necessarie negli uomini adulti per evitare la chetosi.

Come? Consumando enormi quantità di prodotti alcalinizzanti. Ciò non sorprende, dal momento che gli scienziati non possono mettere il dito su ciò che stanno facendo.

Stai cercando programmi dietetici per l’obesità o solo per le imperfezioni?

Oltre a trattare l’eccesso di peso grave, in particolare l’obesità, la dieta oloproteica può anche aiutare le persone di peso normale a modellare la loro figura, ovunque ci siano accumuli che causano disagio.

Ulteriori 40 giorni oltre a 20 giorni.

Viene venduto perché crea risultati immediati per i consumatori, quindi è visto quasi come un trattamento cosmetico. Pertanto, le seguenti regole governano l’oloproteina: cerca le oloproteine ​​che sono visibili e che ti consentono di ridurre la massa grassa, non i muscoli (come accade durante il digiuno o le diete disintossicanti).

Solo il fruttosio di frutta e verdura dovrebbe fornire 20 grammi di carboidrati al giorno;

Dieci grammi di olio extravergine di oliva al giorno sono le uniche fonti di grassi;

Secondo le raccomandazioni dietetiche, 1,5 g di proteine ​​in ogni kg di peso corporeo;

Si consiglia di consumare il 50% delle proteine ​​dal cibo e il 50% dagli integratori;

Un buon integratore dovrebbe essere alcalinizzante, omega-3 e drenante;

Il massimo di venti giorni è la durata massima della dieta oloproteica.
Poiché i carboidrati si reintegrano con le proteine ​​nei successivi 40 giorni, non diventano mai l’amido principale nella dieta.

Una Panoramica della Dieta Oloproteica

Altri protocolli derivati ​​dagli studi Blackburn come la Dieta Proteica sono simili alla Dieta Oloproteica in termini di basi fisiologiche, indicazioni, controindicazioni, ecc., Ma presentano alcuni vantaggi distintivi in ​​termini di sicurezza, gestione e costi:

L’apporto proteico è pari a circa il 50% del fabbisogno proteico giornaliero, con il restante 50% ottenuto sullo sfondo di alimenti ricchi di proteine ​​(diversi tipi di carne o pesce) la cui grammatura è accuratamente calcolata in base al peso corporeo ideale.

Le diete preparate lungo questo percorso saranno ad alto contenuto di fibre (il tasso di consumo ideale di proteine ​​è di 1,4 grammi di proteine ​​per chilogrammo di peso corporeo in entrambi i sessi.), Evitando ferro e fosforo (quando si segue una dieta autogestita da un individuo non qualificato o sotto controllo professionale, cosa che accade frequentemente) e che consente l’assunzione di meno calorie.

Ciò previene il rischio di somministrazione o assunzione di proteine ​​in eccesso che potrebbero portare ad affaticamento dei reni o trasformarsi in grasso a lungo termine.

In questa prima fase i carboidrati (che si trovano nelle verdure e negli ortaggi “concessi” in termini di contenuto di carboidrati), compresi 10 g al giorno di zuccheri, e i grassi (10 g di olio extravergine di oliva per condimento) dovrebbero comunque costituire 20 g ogni.

Utilizzo di minerali alcalinizzanti specifici per aiutare a regolare l’acidosi metabolica e determinarne gli effetti clinici: compresa la produzione di corpi chetonici.

In questo processo, potassio, magnesio e calcio vengono incorporati in modo specifico e quindi in parte persi.

Torna a Dimagrire-Facile.eu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *