Dieta Plank: Menu, Mantenimento, Esperienze e Opinioni

dieta plank

La bella stagione è sostanzialmente arrivata e già da un po’ si inizia a parlare di prova costume e dei metodi per tornare in forma.

Sul web ci sono svariati siti che propongono diete di ogni tipo; all’inizio tutte sembrano promettere miracoli in poco tempo, ma se nella migliore delle ipotesi non funzionano, in altri casi possono determinare quel fastidioso effetto yo-yo oppure addirittura dei danni alla salute.

Purtroppo, chi redige articoli o realizza siti dedicati alle diete, spesso non ha le giuste competenze per farlo o ci si basa su fonti poco attendibili, senza alcuna testimonianza pratica al riguardo e diffondendo informazioni non sempre veritiere.

Tramite il nostro sito invece, puoi conoscere tutti i dettagli di un determinato regime alimentare, i suoi pro e contro, ma soprattutto le informazioni necessarie per capire se una dieta fa al caso tuo oppure può esserti controindicata.

In questo articolo ti parlerò di uno di questi particolari regimi alimentari, ossia la c.d. Dieta Plank, piuttosto nota in Italia e in Europa.

una donna viene ripresa sdraita con le mani a cuore e una margherita sull'ombellico

Cosa prevede la Dieta Plank originale


La Dieta Plank è un regime alimentare ipocalorico, particolarmente restrittivo, che si prefigge di far perdere circa 9 Kg in sole 2 settimane.

Da come puoi notare, si tratta di un tempo piuttosto limitato per perdere ben 9 Kg. Per far ciò, ci si basa su un menu che prevede solo alcuni elementi, per lo più proteine, da seguire passo passo.

Nel complesso, la dieta si presenta in modo particolarmente sbilanciato, che potrebbe facilmente causare dei problemi di salute.

Per questa ragione, se si decide di seguire questo regime, è strettamente necessario farsi seguire da uno specialista per evitare di andare incontro a conseguenze rischiose.

In aggiunta, la dieta Plank è molto conosciuta in Europa, dato che la dieta Plank è stata utilizzata anche da diverse persone famose.

Origine della Dieta Plank


L’origine di questa dieta non è molto chiara. Essa prende il nome dallo scienziato tedesco Marx Planck, vissuto tra il 1858 e il 1947, padre della fisica quantistica e vincitore di un premio Nobel per la fisica appunto.
Sebbene la denominazione richiama a questo storico personaggio, in realtà tra l’iniziatore della teoria dei quanti e questa dieta non c’è alcuna connessione.

Anzi, l’ente tedesco dedicato alla ricerca scientifica “Società Marx Planck” ha negato ogni sorta di legame tra le finalità del loro lavoro con le linee guida della Dieta Plank.

Quest’ultima infatti presuppone di seguire uno stretto menu in grado di modificare sensibilmente il metabolismo per 2 settimane, trascorse le quali si dovrebbe perdere intorno ai 9 kg e mantenere questo peso forma per altri 3 anni. Il che non è supportato da alcuno studio scientifico.

una ragazza viene ripresa mentre si gusta uno smoothie al mirtillo

Esempio di menu della Dieta Plank

Ecco di seguito un esempio di menu secondo i dettami della Dieta Plank.

LUNEDÌ

  • Colazione: un caffè senza zucchero
  • Pranzo: degli spinaci con poco sale e due uova sode
  • Cena: una grande bistecca cotta alla griglia o in alternativa due bistecche di manzo, con insalata di lattuga e sedano per contorno.


MARTEDÌ

  • Colazione: un caffè senza zucchero con una fetta di pane
  • Pranzo: una bistecca grande con insalata e un frutto
  • Cena: prosciutto cotto.



MERCOLEDÌ

  • Colazione: un caffè senza zucchero e un panino di piccole dimensioni
  • Pranzo: due uova sode con contorno di insalata e pomodori
  • Cena: prosciutto cotto con insalata.



GIOVEDÌ

  • Colazione: caffè senza zucchero con una fetta di pane
  • Pranzo: un uovo bollito con carote cotte o crude e 50 gr. di formaggio svizzero
  • Cena: frutta e 250 gr. di yogurt scremato.



VENERDÌ

  • Colazione: caffè senza zucchero e carote condite con succo di limone
  • Pranzo: pesce al vapore con contorno di pomodori
  • Cena: bistecca alla griglia con insalata.



SABATO

  • Colazione: caffè senza zucchero e una fetta di pane
  • Pranzo: pollo cotto alla griglia
  • Cena: due uova sode con contorno di carote.



DOMENICA

  • Colazione: tè con succo di limone
  • Pranzo: bistecca cotta alla griglia e frutta a piacere
  • Cena: pasto a piacere.
un sandwich viene misurato con un metro in acciaio

Conseguenze della Dieta Plank


Questa dieta non può essere considerata inefficace, in quanto effettivamente, se seguita alla lettera, comporta una perdita importante di peso.

Ma come? La modalità seguita per le prime due settimane va a incidere sul metabolismo, rallentandolo significativamente e determinando quindi il dimagrimento.

Tuttavia, la Dieta Plank non prevede alcuna ulteriore dieta di mantenimento dopo che il trattamento di 2 settimane è terminato e in mancanza di un sostegno post dimagrimento, rimettere i chili persi è molto semplice, dato che non si è più in grado di continuare con le restrizioni di cui si parlava prima.

Tale conseguenza è il tipico effetto yo-yo, che determina appunto il recupero del peso dopo averlo perso seguendo una dieta sbilanciata e ipocalorica come può esserlo la Dieta Plank.

L’effetto yo-yo non è l’unica conseguenza poco piacevole di questo regime. Infatti in alcune testimonianze si può apprendere che anche durante nella fase iniziale della dieta Plank, possono capitare frequentemente dei mal di testa e delle sensazioni di estrema debolezza.

Pertanto, ti consiglio di affidarti ad un buon nutrizionista prima, durante e dopo questo trattamento, poiché è vero sì che essere in forma è bello e fa bene, ma tutto ciò non deve andare a discapito della salute.

un ragazzo confuso con un cappello adidas ripreso in primo piano

Chi può e non può seguire questa dieta


Essendo un regime particolarmente stringente, in realtà potrebbe apportare dei problemi di salute un po’ a tutti.

Tuttavia, ci sono alcune categorie di soggetti che assolutamente non possono seguire questa dieta e sono in particolare: i soggetti diabetici (che potrebbero andare incontro a casi di ipoglicemia), chi soffre di problemi renali (la massiccia quantità di proteine porta i reni a lavorare di più), soggetti con problemi cardiologici e di colesterolo, donne in stato di gravidanza e allattamento nonché soggetti anemici (è una dieta scarsa di ferro).

un uomo viene ripreso mentre addenta un biscotto

Dove posso trovare dei prodotti per la Dieta Plank ad un buon rapporto qualità/prezzo?


Considerati tutti questi aspetti, onestamente non mi sento di consigliare la Dieta Plank. Piuttosto, è meglio perdere del peso più lentamente ma seguendo una dieta ben equilibrata.

Infatti, la prima regola per dimagrire correttamente è seguire un regime alimentare che non escluda nessun alimento e che sia soprattutto bilanciato, favorendo l’assunzione di frutta e verdura, le cotture con pochi grassi e accompagnarlo con un’adeguata attività fisica.

In aggiunta ad una buona alimentazione si possono assumere degli integratori alimentari che mirano ad integrare sostanze come sali minerali e vitamine.

Sul mercato ci sono tantissimi prodotti di questo genere e anche in questo caso occorre fare attenzione su ciò che si ingerisce.

Infatti, anche in merito agli integratori alimentari ci sono discussioni e opinioni contrastanti, in quanto non sempre si rivelano dei prodotti efficaci in base al tipo di carenza che si vuole risolvere. Avendone provati tanti, non posso che confermare questa considerazione.

Tuttavia, non tutti gli integratori naturali sono inutili e con effetti collaterali, ma ci sono anche prodotti realizzati con buoni ingredienti e che effettivamente offrono un adeguato sostegno durante la fase di dimagrimento.

Uno di questi è African Mango: l’ho usato in prima persona e posso dirti che effettivamente mi ha aiutato nella perdita di peso.

Se vuoi saperne di più, leggere le recensioni degli altri utenti che hanno avuto modo di provarlo e conoscerne dettagli e composizione, dai un’occhiata al link che ti allego e potrai acquistarlo ad un prezzo vantaggioso.


Ma affrettati, è disponibile in Italia solo per poco tempo!

immagine della soluzione per la dieta

una foto di Roberto Rossi, uno scrittore di Pensieri di Strada

AUTORE:

Roberto Rossi

Sono un’appassionato di salute e benessere che lavora e vive a Roma, la mia città natale. Ho passato  anni a provare diete e regimi alimentari di tutti i tipi e, spinto da una passione per questo settore e per sconfiggere l’obesità, ho deciso di scrivere e condividere le mie esperienze su questo sito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *