Phelps Dieta: l’Alimentazione da 10Mila Calorie al Giorno

Questo famoso atleta ha vinto ben 23 medaglie d’oro alle Olimpiadi, rendendolo un atleta che ha segnato per sempre la storia del nuoto.

Michael Phelps, un ex atleta statunitense, ha seguito una dieta sovrumana e si è allenato continuamente per anni per raggiungere un livello così alto di prestazioni.

Infatti sembra che Phelps assuma dalle 10mila alle 12mila calorie al giorno con la sua dieta.

Il Regime di Allenamento di un Super Campione

Non c’è mai stato un giorno in cui Phelps non si sia allenato, ha detto.

Il suo totale settimanale di nuoto era di circa 80.000 metri quando stava gareggiando.

Una seconda serie di cinque-sei ore di formazione veniva eseguita due volte al giorno sei giorni alla settimana. Durante quel tempo trascorso in acqua ascoltava musica con auricolari impermeabili per non annoiarsi.

Come parte della sua formazione e preparazione, Phelps ha dovuto svolgere anche altri compiti difficili sull’acqua. Sculling (che significa canottaggio in italiano) rappresenta una forma di esercizio di galleggiamento verticale.

In tutta l’acqua, ha usato altri strumenti, come tavole, boe di trazione, ancore e un mucchio di elastici (letteralmente “boe da tiro” sono dispositivi tenuti stretti tra le ginocchia per costringere il nuotatore a usare il minimo uso delle gambe durante il nuoto).

Oltre a pagaie, maschere e boccagli, tra gli strumenti per insegnare ai bambini a nuotare.

Trascorreva parte della sua formazione nella stanza più di una volta alla settimana; idealmente, era lì il lunedì, il mercoledì e il venerdì. Uno dei suoi esercizi preferiti è spingere verso l’alto, accovacciarsi, sollevare e premere sulla panca.

Le Abitudini Alimentari del Campione

Quando Phelps era ancora in competizione, consumava circa 4.000 calorie per pasto, o 12.000 calorie al giorno. Vediamo come appariva la sua dieta quando era concentrato sulle prestazioni atletiche.

Ci saranno tre panini, uno con frittata, uno con formaggio, lattuga, pomodoro, cipolle fritte e uno con maionese. C’erano tre fette di toast alla francese, cinque omelette, tre tazze di caffè e tre frittelle al cioccolato.

Da bere, 1000 calorie dovrebbero provenire da bevande energetiche con pasta e due fette di prosciutto crudo.

Il menu della cena consisteva in pasta, pizza e 1000 calorie aggiuntive da bevande energetiche.

Cosa Serve per Diventare il Numero Uno

Michael Phelps crede che si possa ottenere qualsiasi cosa se mente, corpo e lavoro lavorano insieme per un unico obiettivo.

“La testa può controllare tutto”, dice. Nonostante gli ostacoli che ha dovuto affrontare e la resilienza che ha dimostrato, il suo sport ha delle costanti che possiamo unire in due parole: “tenacia” e “resilienza”.

Michael ha superato molti ostacoli sin dalla sua prima esperienza con l’acqua quando aveva sette anni, un ragazzo di Baltimora. Il piccolo Phelps si affeziona a sua madre dopo che suo padre lo ha abbandonato e sviluppa un amore per il nuoto con sua madre e due sorelle nuotatrici:

“Ho sempre saputo che l’acqua è il posto a cui appartengo. Scompare. Per me è un luogo sacro”.

Dimostra rapidamente le sue capacità prodigiose. A 15 anni, Michael sta già stabilendo record: si qualifica per le Olimpiadi di Sydney, diventando il più giovane nuotatore americano a competere ai Giochi in 68 anni.

La sua prestazione alle Olimpiadi di Atene quattro anni dopo continua a superare le aspettative: sei ori e due bronzi. Questo è l’inizio di un’entusiasmante carriera che abbraccia diverse fasi. Prima nel 2012, quando ha annunciato il suo ritiro dopo Londra.

Per lui segna l’inizio di una vita non regolamentata in cui beve quantità eccessive di alcol, viene arrestato per guida in stato di ebbrezza e ricoverato in un centro di riabilitazione.

L’immagine pubblica di Michael Phelps è diventata sporca. Il titolo di lui sembra essere la storia. Numerosi sport numero uno sembrano sempre essere in declino, ma gli piace modificarlo. Anche se nessuno avrebbe scommesso un centesimo su di lui, decide di rimettersi in acqua.

Sembra essere tornato alla sua routine di allenamento dopo una lunga assenza e sta lavorando per risolvere alcuni problemi che erano stati dimenticati, incluso il suo rapporto con suo padre, a cui alla fine si ricollega dopo anni di silenzio.

Veterano delle Olimpiadi di Atene 2004, è riuscito a vincere quattro medaglie d’oro e una d’argento nonostante lo scetticismo generale sulle sue capacità.

Torna a Dimagrire-Facile.eu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *