Vai al contenuto

Dieta per la Stitichezza: Esempio e Menu

Non importa se una persona è giovane, vecchia o incinta, la stitichezza può influenzare qualsiasi età o sesso.

Nel prossimo futuro, Ipasvi, la National Federation of Nursing Colleges, pubblicherà una guida per comprendere la stitichezza, i suoi sintomi e le sue manifestazioni. Ne sono colpiti circa il 3-10% dei bambini, il 20-40% circa degli anziani e il 40% delle donne incinte.

Ci sono poche opzioni terapeutiche (lassativi su prescrizione medica): alterare le proprie abitudini, in particolare il cibo e lo stile di vita, è solitamente necessario per prevenire o controllare meglio questo disturbo.

STUDI SUI SINTOMI CLINICI DELL’AUDIT

Non è sempre possibile individuare la causa esatta della difficoltà a muovere le viscere, il che rende più difficile trovare la causa.

Di solito è evidente che la stitichezza si verifica quando la quantità di movimenti intestinali è inferiore a tre a settimana. La stitichezza può anche includere dolore addominale, gonfiore, gonfiore e difficoltà nell’eliminazione delle feci dure.

La stitichezza cronica si sviluppa quando persistono per più di tre mesi nell’ultimo semestre.

È possibile sperimentare la stitichezza come un sintomo di IBS, una condizione caratterizzata da stitichezza seguita occasionalmente da diarrea.

Ottieni risposte a queste domande e altro in “Nutrizione e salute”. Scarica questo libro per una guida dettagliata per un’alimentazione sana.

DIETA PER PREVENIRE LA COSTIPIAZIONE

Di seguito sono riportati alcuni suggerimenti su come combattere la stitichezza con aggiustamenti dietetici e il supporto di un nutrizionista o di un medico specialista:

Servire una passata di verdura o un brodo a cena.

Piuttosto che cereali raffinati come pane, pasta e riso, opta per i cereali integrali.

Assicurati di mangiare i legumi due volte a settimana. Se incontri una meteora, frullala o centrifugala.

assumere almeno una porzione di verdure ad ogni pasto, cotte o crude. Gli spinaci, i broccoli, il cavolfiore, i fagiolini, le melanzane e i carciofi, le melanzane e i carciofi dovrebbero essere preferiti per la cottura. Se un meteorite colpisce, aumentare gradualmente le dosi nel tempo.

Scegli kiwi, pere, albicocche, fichi, prugne e pere come frutti primari, soprattutto al mattino a stomaco vuoto. La frutta dovrebbe essere mangiata con la buccia quando possibile, o invece cotta.

Yogurt e latte fermentato sono scelte salutari da incorporare nella tua dieta quotidiana.

Si consiglia di bere un minimo di 1,5-2 litri di liquidi al giorno, preferibilmente acqua minerale ma si possono consumare anche tisane o brodo.

L’alcol e il tè possono favorire i movimenti intestinali. Riduci al minimo queste bevande.

Il corpo di una persona assorbe il glucosio in modo più efficace da formaggio, cibi fritti e grassi animali.

Se il diverticolo è semplicemente infiammatorio (comunemente noto come diverticolite), non deve essere seguita alcuna dieta; in caso di infiammazione del diverticolo, evitare quanto segue:

Si sa che uva, fragole, kiwi, frutti di bosco e pomodori contengono semi.
Molte verdure hanno una consistenza fibrosa, tra cui sedano, finocchio e fagiolini.
Fitoplancton (per purea o centrifugazione).

Gli alimenti noti per prevenire i diverticoli sono frutta, verdura, fibre e acqua.

FATTORI CHE DETERMINANO IL RISCHIO

Diversi fattori possono portare a queste conseguenze, tra cui abitudini alimentari malsane prive di fibre (frutta, verdura e cereali), carenze vitaminiche, scarsa forma fisica, stress eccessivo e persino gravi condizioni mentali (ansia, depressione, ecc.).

Gli esperti dicono che la dieta è il modo migliore per prevenire o curare la stitichezza, qualunque sia la causa.

MODO DI VIVERE

Anche la dieta e lo stile di vita dovrebbero essere regolati.

È necessario andare regolarmente in bagno (magari dopo uno dei pasti principali) per mantenere in buona forma il tratto intestinale. L’intestino potrebbe essere danneggiato da un’elevata assunzione di aria, quindi masticare lentamente, per prevenire l’aerofagia o il gonfiore.

A meno che scelte dietetiche e comportamentali adeguate non producano risultati soddisfacenti, i lassativi potrebbero richiedere una prescrizione del medico.

Torna a Dimagrire-Facile.eu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.