Vai al contenuto

Dieta Pro Ana Cosa Mangiare

Le cifre mostrano che sempre più ragazze adolescenti che utilizzano questi rifugi virtuali per la condivisione, il supporto e modi per perdere peso e raggiungere l’estrema magrezza, classificati come pro-ANA o pro-ANOREXIC.

Nella maggior parte dei casi, i creatori di account, app e blog falsi non sono riconoscibili; temono di non essere capiti e accettati dalla loro famiglia e dai loro amici.

E una vera e propria ossessione si forma in questi spazi online: purtroppo, molti malati non possono aprirsi a familiari, insegnanti o amici, mantenendo tutto dentro sé stessi e sentendosi soli.

Siti e Blog che Supportano Ana e Gruppi WhatsApp

Le comunità online spesso rafforzano i problemi alimentari:
è qui che i loro risultati, comportamenti e modi per perdere peso vengono lodati e condivisi.

Puoi trovare questi tipi di gruppi e comunità online e nelle chat di gruppo.

L’uso degli hashtag può aiutare gli uomini a trovare diversi tipi di contenuti su questa tematica, oltre che a condividere problemi e altri inconvenienti.

A volte, dietro questo piccolo segno # può nascondersi un mondo di problemi, difficoltà e sofferenze:

Un hashtag #ana, ad esempio, si riferisce a siti che supportano l’anoressia, un hashtag #mia a siti che supportano la bulimia e un hashtag #sue a siti relativi al suicidio.

Tutto parte, quindi, sul web, con le migliaia di pagine e blog sull’anoressia, per poi passare rapidamente da internet alle chat private:

Le ragazze si sentono libere di condividere la loro magrezza, il loro stato d’animo, i loro progressi e i loro obiettivi a breve e lungo termine nei gruppi di whatsapp.

Disclaimer: se avete problemi alimentari rivolgetevi ad un medico – anoressia, bulimia e problematiche alimentari non vanno assolutamente prese sottogamba e devono essere risolte il prima possibile.

L’appartenenza a tali gruppi rischia di normalizzare i comportamenti disfunzionali che rendono più facile raggiungere l’estrema magrezza. Non è sempre chiaro, potresti essere manipolato e potresti non renderti conto che stai danneggiando la tua salute e persino la tua vita.

Se il pubblico è di profonda fragilità e vulnerabilità, si può creare una sorta di supporto dell’azione stessa. Ma ciò non significa che chiunque entri in contatto con questo tipo di contenuto rimanga bloccato. Tuttavia, alcuni ci restano.

Un adolescente su quattro segue una dieta perché non ha fiducia in se stesso e non è soddisfatto del proprio corpo. Il 13% segue diete “fai da te”, il 2% assume farmaci per dimagrire e la maggior parte controlla il proprio peso quotidianamente o più volte al giorno.

Come puoi sapere se qualcosa non va?

Tra i primi segni che un bambino ha un disturbo alimentare c’è che cambia il modo in cui si comporta a tavola:
Il pasto è più concentrato sul suo cibo, lui è più silenzioso ed esegue rituali per renderlo più piacevole, come tagliare i piatti e dividere i gruppi di cibo. Cerca costantemente rassicurazione sul suo aspetto, esagera con le attività fisiche e ha bisogno di andare in bagno subito dopo aver mangiato.

Un altro fattore da considerare sono i CAMBIAMENTI DELL’UMORE.

L’introversione, l’opposizione, l’irritabilità, il ritiro dal gruppo dei pari, così come stare a casa, magari usando gli smartphone, potrebbero fargli sentire che uscire con gli amici non gli giovi.

I bambini spesso si lamentano di essere stanchi, inventano malattie, calo delle prestazioni scolastiche/sportive o addirittura si preoccupano dei voti e delle prestazioni nello studio o nello sport.

Inoltre, per sapere se i bambini sono intrappolati nel web, bisogna anche prestare attenzione ai seguenti cambiamenti:

anche se non in modo macroscopico, puoi modificare il modo in cui i post vengono pubblicati, la frequenza con cui vengono pubblicati e il tipo di contenuto che viene pubblicato.

Queste persone di solito usano il telefono più del solito, sono più ansiose, lo usano di più prima o dopo i pasti, ricevono telefonate o messaggi quando mangiano, scattano foto del loro corpo, chattano più spesso del solito.

C’è qualcosa che un genitore può fare?


Conoscere il bambino nella vita di tutti i giorni: è importante osservare il bambino per quello che è, senza giudizio o paura, ma accettandolo e accettandolo.

Puoi valutare quando cambiano le sue abitudini senza diminuire alcun segnale, ma senza preoccuparti delle oscillazioni tipiche della fase adolescenziale.

2) Stabilire un dialogo. I bambini non devono solo essere ascoltati, ma anche ascoltati, senza fare domande, perché questo li porterà a chiudersi ancora di più in se stessi. Indipendentemente da quanto fortemente ti senti riguardo agli aspetti alimentari, non menzionare l’aspetto, il cibo o le abitudini alimentari. Mantieni la calma, gestisci la rabbia e la frustrazione, mostrando loro che comprendi il loro dolore e che sei lì per aiutarli.

3) Non spingere troppo. Ai genitori che diventano oppressivi verso i propri figli si può dimostrare che va tutto bene e che non devono preoccuparsi alzando il livello di guardia e nascondendosi ancora di più.

4) Monitorare la tecnologia. Essere genitori è davvero difficile poiché c’è molto da fare su Internet:
I bambini devono essere monitorati per evitare che vengano esposti a contenuti inappropriati e per garantire che non utilizzino smartphone per autoespressione o per accedere a siti Web e blog pro-ana o per unirsi a gruppi WhatsApp.

5) Ricerca e non sottovalutare. Può essere possibile che un genitore si rivolga agli amici in modo non invasivo quando ha un forte sospetto che qualcosa non va, purché non abbiano spiato.

Dovete cercare di risolvere il problema il prima possibile, dato che problemi di anoressia e bulimia non vanno presi sottogamba.

Torna a Dimagrire Facile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.