Dieta della Polenta: Come Mangiarla e Fa Ingrassare o Dimagrire?

La polenta si riferisce a una preparazione alimentare a base di farina di mais.

Questo è un cibo italiano tradizionale che piacciono sia ai bambini che agli anziani ed è considerata il comfort food per eccellenza del Nord.

La polenta è il piatto “cuore e anima” delle fredde domeniche invernali nelle regioni settentrionali e ha il potere di evocare caldi ricordi d’infanzia e di famiglia.

La polenta non si trova solo al nord, ma anche al sud in diverse varianti e in passato si pensava che la polenta fosse un piatto povero.

Oggi sappiamo che è davvero ricco – nutrizionalmente parlando!

È nutriente, digeribile, quasi senza grassi, saziante, ricco di fibre …

In termini di calorie, 100 grammi di polenta forniscono tra 75 e 192 kcal a seconda della consistenza (la polenta più morbida contiene meno calorie pur mantenendo lo stesso peso a causa del suo più alto contenuto di umidità).

Generalmente, una porzione di 160 g trasporta da 150 a 307 kcal, pertanto, ha un basso apporto calorico.

Bromatologicamente, la polenta è ricca di carboidrati, contiene un moderato contenuto di proteine ​​e un basso contenuto di grassi (solo lo 0,4%).

Inoltre, la polenta è povera di grassi e non ha colesterolo.

Per quanto riguarda le vitamine, la polenta è ricca di vitamina A, essenziale per mantenere una buona salute degli occhi. Inoltre, la polenta contiene Luteina, un antiossidante estremamente potente, che la rende particolarmente benefica per le persone con maculopatia.

Per quanto riguarda i minerali, possiamo trovare ferro, fosforo, magnesio, potassio e cromo.

Grazie al suo alto contenuto di carboidrati, la polenta è ideale come piatto unico con carne o formaggio. Se consumata una o due volte a settimana, la polenta non è controindicata.

Tuttavia, va notato che la polenta è priva di alcuni nutrienti essenziali, tra cui il triptofano e la vitamina B3, comunemente nota come niacina. La polenta deve essere sempre accompagnata da un secondo piatto di carne o formaggio per raggiungere la “completezza”.

C’era una malattia chiamata Pellagra tra le popolazioni che la mangiavano principalmente perché priva di questa vitamina.

Attenzione a non esagerare: la presenza di alcaloidi vegetali nel mais può provocare nausea e vomito ad alte dosi.

È quindi vantaggioso consumare la polenta in quantità sufficienti nell’ambito di una dieta varia ed equilibrata.

Poiché è saziante e facile da digerire, i bambini e gli anziani possono mangiarlo.

La cremosità e l’omogeneità della consistenza di questo alimento lo rendono facilmente deglutibile e quindi ideale per le persone anziane e per chi soffre di disfagia e difficoltà di deglutizione.

La natura naturale priva di glutine della polenta la rende un ottimo alimento per chi soffre di celiachia.

Per il suo alto potere saziante, questo piatto è adatto anche alle diete dimagranti: la polenta in sé è poco calorica, ma se preparata con abbondante burro / olio / salse le cose cambiano completamente !! A dieta, si può mangiare, ma attenzione ai condimenti. Per le calorie, con i legumi, è la scelta migliore.

Un’altra opzione per preparare la polenta è farla con farina diversa dal mais.

La polenta prodotta al nord è la Taragna, un prodotto che utilizza come ingrediente principale la farina di grano saraceno. La farina di grano saraceno è più ricca di proteine ​​e triptofano e, in generale, ha più vitamine del mais.

È leggermente meno calorico a parità di peso, ma di solito è combinato con burro e formaggio. Non è quindi descritto come “leggero”.

La farina di ceci può essere utilizzata anche per fare la polenta: in questo caso le kcal non sono diverse, ma il piatto è molto nutriente con un alto contenuto proteico (22%) e con meno carboidrati rispetto alla polenta classica.

Anche la polenta è fatta con farina di castagne.

La cosa più importante è assicurarsi che la polenta sia cotta correttamente, sia che sia fatta con farina di mais, grano saraceno o di castagne!

Come Preparare la Polenta

Per preparare una polenta ideale, è innanzitutto fondamentale determinare le proporzioni di farina e acqua. In generale, 500 g di farina richiedono 2 litri di acqua.

Per renderlo più sodo e compatto, per friggere o grigliare ad esempio, aggiungere altra farina. Aggiungere sempre un cucchiaino di sale all’acqua. Finché l’acqua non inizia a sobbollire abbassare la fiamma e poi aggiungere lentamente la farina, mescolando bene con un cucchiaio di legno.

Quindi, puoi alzare di nuovo il fuoco. L’acqua che sta appena sobbollendo e non bollendo può impedire la formazione di grumi quando viene aggiunta la polenta. Puoi anche aggiungere un cucchiaino di olio per evitare la formazione di grumi, ma non è essenziale.

Mescolare la polenta frequentemente, ma non continuamente, durante il processo di cottura. Occorrono 40-50 minuti prima che la polenta sia pronta e inizi a staccarsi dai lati della pentola.

Servirla e mangiarla caldo è meglio!

La polenta che rimane può essere riutilizzata. La polenta avanzata può essere conservata per due o tre giorni in frigorifero. Se non viene completamente raffreddato prima della conservazione, perderà consistenza e sapore.

Dovrebbe essere raffreddato e preferibilmente avvolto in un panno pulito (che assorbirà l’umidità) prima di metterlo in frigorifero. Se non hai uno strofinaccio, usa una pellicola trasparente.

La polenta può anche essere congelata e lasciata conservare per tre mesi, ma una volta scongelato tenderà a perdere molta umidità e ad assumere una consistenza lenta. Quindi il congelamento anche se consentito è sconsigliato.

Torna a Dimagrire-Facile.eu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *