Dieta Giapponese per Dimagrire: Cosa Mangiano i Giapponesi?

Non c’è dubbio che la dieta giapponese sia un regime alimentare interessante, poiché da sola potrebbe spiegare perché i giapponesi vivono una vita così lunga e perché i cittadini giapponesi sono magri anche dopo i 30 anni, quando molti la considerano una mezza età.

Infatti, il giappone, insieme ad altre nazioni asiatiche, non hanno problemi che abbiamo in continenti come il nostro o, ancor peggio, in America.

Ad esempio, il Messico, con il 28,9% degli adulti in sovrappeso o obesi, si colloca tra i primi tre paesi con i più alti tassi di obesità, mentre il Giappone è nella posizione più bassa.

Come parte della legge Metabo, approvata nel 2008, gli uomini sopra i 40 e sotto i 74 anni devono misurare la circonferenza della vita con l’obiettivo di prevenire l’obesità.

È stato anche osservato che in Giappone le aspettative di vita più lunghe sono attribuite a un modello alimentare sano.

Per quanto riguarda il cibo, i ricercatori hanno fatto uno studio pubblicato sul British Medical Journal che afferma che le persone che mangiano come i giapponesi non soffrono di malattie cardiovascolari o ictus, che di solito sono causati dal sovrappeso.

Il Giappone è noto per il suo elevato consumo di riso, verdura, pesce, prodotti animali, soia e cereali, nonché per il suo apporto equilibrato di prodotti lattiero-caseari.

La cucina del Giappone può essere descritta come piacevole sia in forma cruda che cotta e ideale per le persone che non amano la dieta.

Dieta dei Giapponesi

L’analisi della BBC di vari studi mostra che esiste una connessione tra la dieta giapponese e l’uso di natto e miso, che sono essenziali per la dieta come parte della colazione, e la coagulazione del sangue e le malattie infiammatorie intestinali.

In termini di pesce, i grassi omega-3 presenti nei pesci grassi (come salmone, tonno e sardine, tra gli altri) costituiscono una parte sana della loro dieta, motivo per cui carne e pollame sono a basso contenuto di calorie e grassi saturi, mentre le verdure forniscono molti nutrienti.

Inoltre, le alghe sono incluse nella loro dieta e gli studi hanno dimostrato che può abbassare la pressione sanguigna e contiene anche diversi minerali che fanno bene alla salute.

Inoltre, i semi di soia sono ricchi di fibre e proteine, sono privi di colesterolo e contengono antiossidanti. Quindi sono considerati essenziali nella dieta.

Potrebbe essere ancora più vantaggioso adottare abitudini alimentari come l ‘”hara hachi bu” giapponese, che implica consumare fino all’80% pieno, o distribuire il cibo durante il pasto in un modo che non sia troppo confuso.

La dieta da seguire

Secondo Alina Petre, esperta di nutrizione ed esperta di dieta, il tipico pasto giapponese può essere suddiviso in quattro categorie.

Alimenti comuni alla cultura giapponese: riso, ramen, soba e udon.

Una zuppa di miso a base di verdure in brodo di soia, a base di pesce, alghe o tofu.

La carne o le uova non sono incluse nel piatto principale, ma il natto o il tofu lo sono.

Le alghe e la frutta tritata vengono servite con verdure bollite, grigliate o arrostite.

Ci sono spesso contorni inclusi così come il piatto principale per coprire tutte le possibilità per i cibi.

Anche il tè verde, il sake o la birra sono bevande adatte, sebbene il tè caldo possa essere un’offerta popolare per i pasti giapponesi. L’alcol non causa l’accumulo di grasso a causa del suo basso contenuto calorico.

La dieta giapponese non è sicuramente per tutti (e romperla la rovinerebbe), eppure è una buona opzione per chi cerca un’alimentazione sana che garantisca buona salute e forma fisica.

Torna a Dimagrire-Facile.eu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *