Vai al contenuto

Dieta Dimagrante per Donne Sessantenni: Cosa Mangiare

Diventa sempre più difficile mantenersi in forma e perdere peso in eccesso con l’avanzare dell’età.

Tra i vent’anni tanto quanto i trenta o quaranta, il metabolismo è diverso e la nutrizione diventa ancora più essenziale.

Gli esperti consigliano di limitare l’apporto calorico per prevenire l’accumulo di grasso e ridurre il rischio di sviluppare le patologie associate.

In ogni caso va seguita la dieta mediterranea.

Secondo una nuova ricerca condotta da un’università americana, seguire una dieta mediterranea può essere particolarmente vantaggiosa per gli anziani:

confrontando popolazioni con abitudini alimentari molto diverse, lo studio ha rilevato che le persone che seguivano una dieta mediterranea avevano tassi inferiori di dolore, disabilità e depressione.

L’accumulo di peso è un fattore di rischio da evitare dopo i 60 anni. Allora cosa facciamo?

Consumare olio extravergine di oliva, frutta, verdura, cereali, noci. Per gli uomini di età compresa tra 65 e 74 anni, l’apporto calorico giornaliero raccomandato è 1900; per le donne è 1600; dopo 74 anni è il 1700 e per chi ha 75 anni e più è 1400.

Gli alimenti a base di carboidrati sono ampiamente disponibili in porzioni non standard per la maggior parte del tempo e si consiglia alla maggior parte delle persone di consumare 70 grammi di carboidrati al giorno prima di 65, 60 e 70 grammi da 65 a 80 e da 60 a 50 grammi dopo 80.

Fonti vegetali di le proteine ​​(compresi i legumi) sono preferite rispetto a carne e pesce: tacchini e polli sono ammessi tre volte a settimana, uova due volte, carni rosse e salumi una a settimana.

Le donne hanno bisogno di bere due litri e mezzo di acqua al giorno, mentre gli uomini dovrebbero bere due litri e mezzo. Lo zucchero dovrebbe essere fortemente limitato, magari mangiando occasionalmente una fetta di torta a colazione.

È quindi imperativo scegliere una dieta leggera e povera di grassi (come olio extravergine di oliva, aceto, limone, spezie ed erbe aromatiche) e inibire anche l’insorgenza di malattie che comportano rischi cardiaci (come il colesterolo alto e il diabete).

Torna a Dimagrire-Facile.eu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.